Archivi tag: Volontariato

Dietro ai numeri un cuore batte. Economia guarda al mondo del non profit – mercoledì 24 ottobre 2018

Un progetto in cui il Dipartimento incoraggia, supporta o organizza la partecipazione attiva e  concreta di personale e studenti alla vita della comunità locale o a sostegno di organizzazioni no profit. Per noi è PARTICOLARMENTE IMPORTANTE CAPIRE IL VALORE ETICO ED ECONOMICO del non profit.
Uniti nella più nobile delle imprese: “Dar da mangiare agli affamati”.
Il progetto si articola in tre momneti:
1) Workshop. Mercoledì 24 ottobre, ore 9.30-11.30, aula Doria, “Il volontariato fa bene all’economia ed alla società. Il caso del Banco Alimentare”,
Introduce: Alberto Quagli. Intervengono: Lorenzo Caselli (Volontariato. La ricchezza della gratuità), Anna Bottasso (Altruismo e teoria economica), Barbara Cavalletti (Percorsi di sviluppo sostenibile: il cerchio si può chiudere), Serena Scotto (I «numeri» della povertà), Teresina Torre (Tra profit e non profit: creazione di valore ed innovazione), Antonio Predieri (Il Banco Alimentare). Il Progetto prosegue (Presentazione della Colletta ad Economia e proposta della partecipazione alla Giornata Nazionale della colletta alimentare).
2) Giornata raccolta DIEC. Mercoledì 31 ottobre, ore 8.30-18.00. Sul modello delle Collette Aziendali: tutti sono invitati a portare prodotti alimentari che verranno consegnati presso un punto di raccolta nell’atrio ai volontari.
3) Colletta Nazionale del BA. Sasbato 24 novembre. Il DIEC partecipa alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare gestendo la raccolta presso un supermercato. Per maggiori informazioni: bancoeconomia.unige@gmail.com
A questo link il programma: Progetto_Volontariato_DIEC-2018_locandina
Vi invito a partecipare all’incontro di mercoledì prossimo. Da anni collaboro personalmente con il Banco Alimentare e le sue iniziative ed è una realtà molto interessante.

Annunci

Le nuove opportunità di partenariati nella cooperazione internazionale

Il recente aggiornamento delle politiche e delle agende di cooperazione internazionale, con la previsione di obiettivi di crescita inclusiva e sostenibile, pone l’accento sul ruolo del settore privato quale attore di sviluppo dei territori, accanto ad enti governativi, non governativi (ONG) e organizzazioni internazionali. Alle politiche di indirizzo internazionali delle Nazioni Unite e della Commissione Europea, si affianca la legislazione italiana con la L. 125/14 “disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo”. La possibilità di essere attori di cooperazione internazionale incontra il bisogno delle imprese di internazionalizzarsi. Sempre più spesso le imprese stesse mostrano interesse per un coinvolgimento attivo, consapevole e responsabile verso i fornitori o all’interno del proprio network fino ai clienti finali. Le imprese e le ONG possono lavorare insieme sul terreno dello sviluppo economico creando partenariati di valore.
Per questo segnalo il programma di una iniziativa formativa, denominata “Internazionalizzare per lo sviluppo: le nuove opportunità di Partenariati nella Cooperazione Internazionale”, realizzata da Januaforum A.P.S. – Rete Attività Internazionali Liguria con la collaborazione di Alce (Associazione Ligure Commercio Estero) e del Centro di Formazione alla Cooperazione Internazionale di Trento. Si tratta di una delle prime iniziative formative in Italia, se non la prima, dopo l’approvazione della legge nazionale di riforma della Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo n. 125/2014. L’iniziativa è destinata a Imprenditori, a Operatori pubblici e privati della Cooperazione Internazionale e a studenti universitari. Agli studenti che mi segnaleranno il loro interesse potrà essere richiesto un contributo ridotto.
La scadenza delle iscrizioni è il 20 gennaio 2017.
Qui il programma corso-internazionalizzare-x-lo-sviluppo4

Programma di formazione per AVSI Internships 2015-16

AVSI – Associazione Volontari per il Servizio Internazionale, propone per il 2015-16 un Programma di formazione per Internships in Italia e all’estero. I giovani che entrano nel pool AVSI, per profili junior, riceveranno una formazione nell’ambito della cooperazione internazionale e successivamente avranno la possibilità di essere selezionati per le posizioni junior/internships in Italia o per progetti implementati nei Paesi in via di sviluppo. Potranno acquisire un’esperienza professionale e avere la possibilità di conoscere il mondo della cooperazione. Può essere quindi una possibilità di lavoro nel mondo della cooperazione/relazioni internazionali/diplomazia in Italia o all’estero.
Indirizzato a: studenti e neolaureati in economia, management, scienze politiche, relazioni internazionali, cooperazione allo sviluppo, servizio sociale, scienze pedagogiche (educazione, formazione), scienze e tecnologie alimentari, scienze e tecnologie agrarie.
Impianto formativo: formazione base in aula (di 3 giorni) spiegando chi è AVSI, il panorama dei donatori istituzionali e privati in collaborazione, approfondendo il metodo e le esperienze di AVSI, i temi gestionali-amministrativi, la gestione delle sedi locali e delle norme interne.
Come applicare: è necessario inviare una lettera di motivazione e il CV a humanresource@avsi.org indicando in oggetto a dicitura “candidatura per Programma AVSI Internships” entro e non oltre 30 settembre 2015.
AVSI selezionerà un massimo di 30 giovani da formare valutando ogni candidatura tramite un punteggio secondo i seguenti criteri:
1) CURRICULUM VITAE (punteggio da 0 a 20): verrà valutato i particolare il titolo di studio, le competenze informatiche e le competenze linguistiche.
2) LETTERA MOTIVAZIONALE (punteggio da 0 a 20): si tratta di una lettera breve in forma libera per indagare le motivazioni della candidatura, i punti di debolezza e le risorse personali che il soggetto ritiene di possedere e di dover mettere in campo.
I profili più adeguati potranno successivamente essere selezionati per posizioni di internships in Italia e per progetti implementati nei Paesi in via di sviluppo.
Al termine della formazione è previsto un colloquio individuale, conoscitivo e motivazionale tra il candidato e AVSI teso a valutare l’idoneità a lavorare nei Paesi in via di sviluppo, le capacità e interessi personali. Durante il colloquio verrà data la possibilità al candidato di conoscere la realtà nella quale si potrebbe trovare ad operare. Potrà quindi chiarire dubbi e perplessità confrontandosi col responsabile.

AIESEC: mobilità internazionale

AIESEC è un’organizzazione no profit gestita da studenti universitari, un grande network internazionale che vuole dare l’opportunità a tutti gli studenti desiderosi di accrescere il proprio bagaglio culturale, di crescere in un ambiente sociale diverso, mettendo in gioco le competenze acquisite durante o dopo il loro percorso di studio. Segnalo in particolare i programmi di mobilità internazionale che consistono in stage internazionali e si articolano in tre settori: Entrepreneurship, Education e Awareness.
Il primo dà la possibilità allo studente di lavorare in un’azienda (finance, marketing, pubbliche relazioni) sviluppando capacità imprenditoriali e responsabilità di leadership con retribuzione. Principali destinazioni: Egitto, Cina, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Ungheria, Brasile, Colombia, Portogallo ed Argentina.
Il secondo è un progetto di volontariato improntato all’insegnamento di lingue a bambini e ragazzi. Principali destinazioni: Egitto, Etiopia, India, Cina, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Ungheria, Brasile, Colombia, Portogallo.
Con l’ultimo progetto, sempre di volontariato, gli studenti partecipano a progetti di valore sociale, sensibilizzando le comunità (bambini e adolescenti) su HIV/AIDS, salute, diritti umani e sostenibilità (ambientale e d’impresa). Principali destinazioni: Egitto, Etiopia, India, Cina, Polonia, Romania, Russia, Serbia, Ungheria, Brasile, Colombia, Portogallo ed Argentina.
Tali progetti sono caratterizzati dal fatto: di essere di durata breve ma significativa (in genere dalle 6/8 settimane); di consentire il miglioramento dell’inglese e altre lingue; avere un costo di soli 250€ con vitto e alloggio garantiti; possibilità di poter arricchire il proprio curriculum.
Facebook: http://www.facebook.it/AIESECGenova1
Link modulo d’iscrizione: http://aiesec.it/move/subscribe/

Un limbo chiamato Marj El Kok

“Il pianto, il dolore e l’incerto futuro dei bambini sono la realtà quotidiana di Marj El Kok, in queste 150 tende di stracci e plastica disseminate su un’altura torrida e polverosa del sud del Libano sopravvivono 180 famiglie, sono più di 1000 persone, ognuna è una scheggia della tragedia siriana”. Qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=UtQ261L9scY.
Qui una lezione a scuola nel campo: https://www.youtube.com/watch?v=4FTRLNg87Q8#t=17
Si può sostenere #10forSyria e donare 10 euro per continuare ad aiutare le popolazioni rifugiate: http://www.avsi.org/cosa-fare-per-avsi/donazioni/
AvsiPoint di Genova organizza domenica 6 Luglio a partire dalle ore 20.00 presso la terrazza del Collegio Emiliani in via Provana di Leyni a Genova Nervi un’Apericena per sostenere il progetto di Avsi per la Siria. (io ci sarò).

Volunteer Expo Milano 2015

Expo Milano 2015 ha, tra gli altri scopi, quello di attivare diverse opportunità di partecipazione all’evento. Per questo il volontariato, nelle sue varie forme, è forse lo strumento più adatto per coinvolgere quanti più cittadini possibile. Ogni singolo cittadino e le Associazioni di Volontariato sono i protagonisti del Programma Volontari con cui Expo Milano 2015 intende coinvolgere tutti e dare l’occasione di candidarsi ad ogni persona interessata.
La rete dei Centri Servizio per il Volontariato è al servizio di questo progetto.
Il Programma Volontari è un insieme di 4 differenti forme di partecipazione; ciascuna di queste ha specifici tempi, modalità di attivazione e posti disponibili. Informazioni e modalità di partecipazione su http://volunteer.expo2015.org.

#10forSyria

La guerra civile in Siria sta avendo ripercussioni notevoli sui paesi confinanti, in particolare Libano e Giordania dove migliaia di famiglie in fuga dal conflitto si sono rifugiate e continuano ad arrivare ogni giorno lasciandosi alle spalle case distrutte, violenza e spesso parte della famiglia. AVSI per rispondere all’emergenza lancia dal 17 giugno al 31 agosto la campagna di raccolta fondi #10forSyria che invita a donare 10 euro per continuare a sostenere le popolazioni rifugiate:
Dona 10 euro e riempi una cisterna di 2.000 litri di acqua.Dona 10 euro e compra 2 kg di fagioli, 2 di riso, 2 di zucchero e 2 lt di olio. Dona 10 euro e paga 1 ora di corso di recupero per un bambino siriano.
La campagna viene realizzata sui social network Twitter e Facebook con fotografie e aggiornamenti quotidiani e sul sito http://www.avsi.org attraverso storie e fotogallery bisettimanali.
Segui #10forSyria: @FondazioneAVSI, facebook.com/fondazioneavsi
CREDITO VALTELLINESE – Sede Milano Stelline, Corso Magenta 59
Iban: IT04D0521601614000000005000c/c intestato AVSI FONDAZIONE
Causale: Siria.    Sul sito: http://www.avsi.org/cosa-fare-per-avsi/donazioni/

Apericena (con festa) per il progetto di Avsi per la Siria
AvsiPoint di Genova organizza il 13 Luglio a partire dalle ore 20.00 presso la terrazza del Collegio Emiliani in via Provana di Leyni a Genova Nervi un’Apericena (con festa) per sostenere il progetto di Avsi per la Siria. (io ci sarò).